Punto informativo della Fondazione ISAH in occasione della Giornata Mondiale delle persone con disabilità 3/12/2022 – Piazza San Giovanni Imperia

La Fondazione ISAH in occasione della Giornata Mondiale delle Persone con Disabiltà del 3 dicembre 2022 a partire dalle ore 10.00 sarà prsente in Piazza San Giovanni ad Imperia Oneglia con un punto informativo che vuole essere allo stesso tempo un punto di aggregazione per sensibilizzare la cittadinanza sul tema della disabilità . Nell’occasione si terrà anche un FLASH MOB con cui i ragazzi dell’ISAH cercheranno di attirare l’attenzione e coivolgere i passanti con un breve Show Cooking e alcune canoni cantate dal vivo.

In caso di pioggia l’evento si sopsterà sotto i portici di Imperia Oneglia adiacenti a piazza Dante nei pressi del Bar Piccardo.

Vi aspettiamo numerosi!

Fondazione ISAH e ASD Il Ranch ottengono l’accreditamento per poter effettuare la riabilitazione equestre – Terapia Assistita con gli Animali (TAA) secondo le nuove linee guida nazionali e organizzano una giornata dimostrativa giovedì 15 settembre 2022 alle ore 11 presso la struttura di Montegrazie.

Grazie a una collaborazione ultraventennale,  la Fondazione ISAH e l’ASD Il Ranch di Montegrazie raggiungono un ambizioso traguardo nell’ambito delle storica attività di ippoterapia condotta, da sempre in sinergia, con ottimi risultati.

Infatti in virtù dell’ottenimento di specifico nulla osta da parte della ASL 1 Imperiese  e successivo  accreditamento da parte di ALISA che ha provveduto all’iscrizione della struttura nei registri dell’ Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie – Centro di referenza nazionale per gli interventi assistiti con gli animali,  IL RANCH e ISAH insieme possono continuare ad erogare interventi assistiti dagli animali e in particolare Terapie di riabilitazione equestre,  risultando, peraltro,  la  prima struttura e al momento unica in Liguria accreditata e  iscritta sul nuovo portale Nazionale Web Digital PET.

Le nuove linee Guida sono state emanate proprio al fine di tutelare la salute degli utenti e il benessere dell’animale impiegato oltre a definire standard operativi per la corretta e uniforme applicazione degli IAA nel territorio nazionale, danno indicazioni sui compiti e le responsabilità delle molteplici figure professionali e degli operatori coinvolti in questo tipo di iniziative (veterinari, medici, psicologi, infermieri, terapisti della riabilitazione, educatori, educatori cinofili, etologi ecc.) e ne individuano le modalità di formazione.

Troppo spesso si sente parlare di terapie riabilitative coadiuvate da animali di vario genere,  ovvero da strumenti tra i più fantasiosi o metodi la cui applicazione non ha alcun effettivo riscontro scientifico. Tali interventi sono spesso  basati su iniziative spontanee, caratterizzate da una notevole eterogeneità, sia per quanto riguarda il percorso formativo degli operatori, sia per la tipologia degli utenti e le metodologie adottate. Evidenze scientifiche e strumenti metodologici adeguati e scientificamente validati sono quindi requisiti fondamentali  che hanno permesso  alle Terapie Assistite con gli Animali di diventare  degli strumenti innovativi pienamente riconosciuti dal Servizio Sanitario Nazionale.

 Alla base di tutto vi è  la convinzione che gli IAA debbano essere improntati su criteri scientifici e richiedano “l’applicazione di protocolli che contemplino la presa in carico del paziente/utente, la stesura di un progetto, la definizione degli obiettivi, la verifica periodica dei risultati raggiunti e la capacità di lavorare in équipe da parte di specialisti che spesso appartengono ad ambiti scientifici e culturali molto diversi”.

Un medico neuropsichiatra infantile, 4 terapisti della riabilitazione e un OSS Laureato in Scienze Motorie (tutti iscritti nell’apposito registro nazionale Digital Pet) coadiuvati da personale esperto nella gestione dei cavalli faranno  parte della nuova squadra che da Giovedì 15 settembre 2022 alle ore 11 presso la sede dell’ASD Il Ranch di Montegrazie in str. Str. Cian di Sei, 7, 18100 Imperia riprenderà gli interventi di riabilitazione equestre e Pet Therapy a favore degli utenti che frequentano i centri diurni e residenziali dell’ISAH.

L’evento sarà aperto a tutti coloro che avranno piacere di meglio comprendere come si svolge la riabilitazione per mezzo del cavallo e la Pet Therapy e in generale cosa  si intende per Interventi Assistiti con gli Animali e quale funzione hanno sotto il profilo terapeuto-riabilitativo, educativo e, perché no, anche ludico ricreativo.

Per maggiori info sulla materia:

Fonte Ministero della Salute:

https://www.salute.gov.it/portale/caniGatti/menuContenutoCaniGatti.jsp?lingua=italiano&area=cani&menu=pet

Digital Pet – Centro di referenza nazionale per gli interventi assistiti con gli animali

https://digitalpet.it/index.php/login#

Giornata in barca a Vela grazie al Rotary e Handarpermare

I ragazzi dell’ISAH sono stati invitati a partecipare ad una splendida giornata in barca a vela su una barca perfettamente attrezzata per il trasporto di una carrozzina e con un sollevatore che permette alla persona non demabulante di accedere alla cabina e persino di fare il bagno.

Una giornata di sole e mare nella città di Imperia patria delle Vele d’epoca

Porte Aperte alla Musica 2022 19a edizione – 12/13/14 luglio 2022 Calata Aicardi Imperia Oneglia

Dopo due anni di stop forzato causato dalla Pandmia ritornano gli spettacoli organizzati dalla Fondazione ISAH Onlus insieme alla Global Art Studio AdV con la collaborazione della Scuola Edile SII- CPT di Imperia e il Patrocinio della Città di Imperia e della provincia di Imperia.

Tre serate di musica e divertimento a partire dal 12 luglio alle ore 21.15 in Calata Aicardi, nello spazio dedicato alle manifestazioni estive realizzato dal Comune di Imperia, andrà in scena “Wonderful World” una rassegna musicale in stile “Festival di Sanremo “ con presentatori d’eccezione e la partecipazione straordinaria di artisti professionisti del mondo della musica che intervalleranno con le loro esibizioni le più famose canzoni della storia della musica italiana interpretate in maniera come sempre unica dai ragazzi dell’ISAH.

Alla serata clou seguiranno altre due serate altrettanto importanti dove si esibiranno alcune famose band locali: il 13 luglio sempre alle ore 21.15 sarà il momento dei Black Beat : Originari della provincia di Imperia, 8 musicisti provenienti ognuno da esperienze musicali diverse formano la band a fine 2013. Si distinguono subito dal panorama musicale locale per la loro freschezza, per il repertorio di musica (soul e non solo) nuovo ed esplosivo, coinvolgente ed allegro, per la cura dei dettagli e per la loro presenza scenica.  Hanno suonato in molte città della Liguria; Andora, Diano Marina, Imperia, Genova, Bordighera, Albissola prendendo parte alle varie notti bianche e ad altre tipiche manifestazioni estive. Nel 2017 e nel 2018 hanno avuto l’onore di partecipare al più importante festival soul d’Europa, il Porretta Soul Festival in Emilia Romagna. Il 14 luglio alla stessa ora avremo il piacere di concludere in bellezza la rassegna con I Nuovi Solidi Tribute Band di Lucio Battisti molto apprezzata suona le pù famose  canzoni del noto cantautore cercando di rispettarne il più possibile gli arrangiamenti originali. Ad oggi la Band vanta centinaia di concerti di grande successo in piazze, teatri e locali della Liguria, Piemonte e Lombardia. Molto impegnata a sostegno di iniziative promosse dal mondo del volontariato.

I ragazzi dell’ISAH saranno, come sempre, i protagonisti della rassegna accompagnati dai loro terapisti, alcuni professionisti del mondo dello spettacolo della Global Art Studio Onlus di Diano Marina capitanati dal Prof. Adriano Strangis che ha ideato e garantito la realizzazione di questo progetto per il 19° anno consecutivo.

La rassegna ideata nel lontano 2003 in occasione del 150esimo anno dalla fondazione dell’ente rappresenta, da allora, un appuntamento fisso  dell’estate imperiese.

Da sempre apprezzata dal numerosissimo pubblico presente nelle varie serate, originariamente è andata  in scena nel giardino panoramico della sede storica di piazzetta Giò Batta De Negri ad Imperia, pensata per far conoscere l’attività dell’ente e soprattutto per dimostrare quanto le persone diversamente abili possono dare alla collettività in cui vivono anche sotto il profilo culturale, musicale e  artistico regalando momenti gioiosi, divertenti e pieni di serenità aiutando tutti ad apprezzare maggiormente il dono della vita e le bellezza dell’esistenza.

Successivamente il grande afflusso di pubblico spinse gli organizzatori a scegliere piazza San Giovanni ad Oneglia come location per garantire maggiore visibilità all’iniziativa e  dal 2016 gli spettacoli si svolgono sulla banchina del Porto di Oneglia, cuore del turismo imperiese, per ampliare ulteriormente la visibilità e permettere a un sempre maggior numero di turisti e imperiesi di poter apprezzare le performance e le capacità artistiche e musicali dei protagonisti delle varie serate.

Un ringraziamento particolare ai protagonisti dello spettacolo del 12/07/2022:

Mara FERRERO – Presentatrice

Eugenio RIPEPI – Presentatore

Faccio BOBBIO – Chitarra

Sabrina BONFADELLI – Cantante

Matteo MAFFEZZOLI – Chitarra Elettrica – Folk

Rita MAGLIA – Violinista

Nader BOSS 18100  MC – Rapper

Samuele CETRULO – Cantante

Elisabetta CHIASCIONE – Chitarra Percussioni

Alessandro CRUDO – Attore Ballerino

Giorgio CURTI – Cantante

Manuela D’AGOSTINO – Cantante

Marianna FIUMARA – Cantante

Alessandro LAMA – Cantante – Schow man

Cristian RIZZA – Batteria e Percussioni

Carlotta SCHISA – Cantante

Giorgia GIULIANI – Neuropsicomotricista – Assistente di scena

Maurizio LO MONACO – Attrezzista

Angela MILESI e Gioele STRANGIS – Responsabili luci effetti

Gabriele MILESI – Attrezzista

Marco MINAZZI – Educatore Professionale – Attrezzista

Serena NERVI – Pedagogista  – Direzione palcoscenico

Eliana ORSO – Educatrice Professionale –  Coordinamento palcoscenico

Lucia PIANA – Volontaria – Tastiere

Rado PIANA – Volontario – Responsabile audio

Carolyn TINIUS “Suzie” – Traduttrice

LIS Lovers Sabrina MURATORIO – Giuliana SALVATICO – Clelia SICIGNIANO – Traduttori linguaggio dei segni

Prof. Adriano STRANGIS – Produzione, Regia e Direzione Artistica

Buon divertimento a tutti!

Giornata internazionale delle persone con disabilità 2021: La Fondazione ISAH Onlus inaugura la stanza Snoezelen, ambiente multisensoriale che migliora il setting riabilitativo

La Fondazione ISAH  sceglie la giornata Giornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità per inaugurare  la prima stanza Snoezelen del territorio.

Con  un importante contributo concesso dal Consiglio di Amministrazione della  FONDAZIONE CARIGE grazie alla sensibilità del Vicepresidente Giacomo Raineri, nonchè al contributo di privati tra cui quello della Sig.ra M.M l’ ISAH, nella  storica sede di Imperia, ha realizzato un ambulatorio di riabilitazione appositamente attrezzato per ricreare un ambiente multisensoriale idoneo ad effettuare trattamenti tali da  migliorare lo stato di salute delle persone affette da  disabilità psicofisiche e sensoriali gravi e gravissime. Ciò  con interventi terapeutici specialistici individuali o di piccolo gruppo. Il concetto di Snoezelen è inteso come elemento facilitatore di una relazione sensoriale tra la persona e i suoi terapisti realizzato in un ambiente multisensoriale controllato e certificato. L’integrazione multisensoriale diventa un approccio riabilitativo che utilizza effetti di luce, uditivi, gustativi ed olfattivi, utili a stimolare la percezione sensoriale grazie  a elementi di vibrazione e di illuminazione a  sistemi interattivi attraverso nuovi materiali tecnologici per facilitare l’intervento terapeutico.

Ottimi risultati si sono riscontrati anche nel trattamento dei disturbi comportamentali e dei ritardi intellettivi oltre che per una moltitudine di disabilità psicofisiche e sensoriali.

All’interno della stanza Snoezelen la stimolazione multisensoriale può avvenire anche in acqua. Infatti è stata realizzata una sala da bagno con una speciale vasca  dotata di cromoterapia, aromaterapia, fitoterapia, idromassaggio e  musicoterapia Il tutto studiato nei minimi dettagli per fornire un’esperienza unica. L’acqua calda e la stimolazione sensoriale permettono di raggiungere  infatti un elevato rilassamento mentale e muscolare, miglioramento della mobilità articolare, della circolazione e della respirazione, ossigenazione del corpo, diminuzione del dolore, oltre a permettere il  rilascio delle endorfine per il raggiungimento di uno stato di benessere profondo

La stanza diventa così un ulteriore strumento in mano all’equipe riabilitativa del Centro ISAH costantemente alla ricerca di  nuove metodologie per migliorere lo stato di salute, benessere e qualità della vita delle persone assistite.

Chiusura centri di Riabilitazione Ambulatoriale e Diurno ISAH Ventimiglia per la giornata di Lunedì 4 ottobre 2021

A seguito dell’emissione di allerta meteo ARANCIONE per la giornata di lunedì 4 ottobre 2021 e di ordinanza del sindaco di Ventimiglia il Centro di riabilitazione Diurno e Ambulatoriale di Ventimiglia sarà chiuso per l’intera giornata. I centri di riabilitazione di Imperia saranno regolarmente aperti inquanto il Sindaco non ha emesso analoga ordinanza

Una breve storia di Villa Galeazza a cura del Dott. Davide BERIO

Su Capo Berta, una delle più suggestive zone panoramiche di Imperia Oneglia, nel verde della flora mediterranea, circondata da pini secolari e ulivi e cipressi, si erge una Villa di un bianco splendente detta Galeazza.

La Villa prende il nome dalla sottostante spiaggia Galeazza dove un mare color cobalto si perde a delimitare l‘orizzonte mentre pietre levigate come ciottoli sembrano fare da banchina a tre grandi scogli immersi nel mare come navi antiche.

I vecchi onegliesi, già nel 1600, chiamavano questi scogli di dimensioni diverse, allineati uno in fila all’atro, con nomi di navi dell’epoca.

Il primo scoglio, il più piccolo, oggi quasi in parte spiaggiato, veniva chiamato per le sue sembianze “Sagitta” ovvero freccia; il secondo, veramente maestoso “Galeazza” come le Galee esclusivamente da guerra che furono in uso dal 1400 e combatterono anche nella battaglia di Lepanto; il terzo, di media grandezza, “Bregantina” dal tipo di imbarcazioni a vela latina con due alberi e a remi usate dal 1400 al 1500 dai corsari. Oggi si ricorda solo lo scoglio Galeazza.

I proprietari di questa dimora, appartenenti a una nota famiglia di imprenditori, uomini di lettere e collezionisti, scesero di chiamarla come lo scoglio Galeazza, tanto amato e ammirato.

La Villa è un importante esempio di architettura in stile Bauhaus, progettata dall’architetto tedesco Alfonso Scholl nel 1933, architetto che già nel 1925 progettò, per gli stessi Imprenditori, lo stabilimento della ditta “Olio Sasso” seguendo le avanguardie dell’epoca.

La scuola d’arte Bauhaus fu fondata dall’architetto tedesco Walter Gropius nel 1919. L’architetto Scholl ne è stato interprete per il design e per le forme architettoniche in quanto espressione del razionalismo e funzionalismo che rappresentava in quegli anni la massima espressione culturale europea.

Per il suo valore artistico lo stabilimento della Sasso, oggi sede della Camera di Commercio, nel 1996 è stato dichiarato dalla sovraintendenza ai beni culturali monumento nazionale.

La stessa valutazione vale anche per la Villa Galeazza, unica abitazione privata a Imperia espressione di quel movimento culturale e quindi di grande pregio artistico.

L’ingresso alla Villa è pavimentato con grandi lastre di porfido rosa e circondato da un prato all’inglese, primo esempio in quegli anni nella nostra città, ed era mantenuto in modo perfetto grazie a un modernissimo impianto di irrigazione.

Superata la soglia, a sottolineare che siamo nella Villa Galeazza, troviamo sul pavimento uno splendido tondo Liberty di marmo rosa e nero intarsiato che riproduce una sirena tra gli scogli della Galeazza.  

Tondo in marmo rosa all’ingresso di Villa Galeazza

La Villa Galeazza con i suoi quattro piani fu custode di innumerevoli capolavori d’arte come quadri, statue, tappeti, mobili antichi, oggetti preziosi, tutti misteriosamente scomparsi.

I carabinieri del Nucleo per la Tutela dei Beni Artistici, alla vista del catalogo d’opere d’arte di autori famosi presentato dagli eredi, rimasero talmente impressionati da paragonare quel patrimonio a un piccolo Louvre.  

Oggi Villa Galeazza, gioiello di architettura e di storia, avrà un compito molto prezioso: quello di essere un’oasi di bellezza per ragazzi particolarmente speciali per le loro diverse abilità.

Imperia Oneglia, 13 settembre 2021.

                                                                         Dott. Davide BERIO.

La Fondazione ISAH ha acquistato Villa Galeazza prestigiosa dimora storica su Capo Berta. Se puoi sognarlo, puoi farlo!

Il Video di Villa Galeazza: https://youtu.be/TWQV3U1btmU

A conferma della celebre frase di Walt Disney si realizza  oggi un altro sogno nel cassetto di tutti coloro che, a vario titolo, hanno creduto  e credono con orgoglio, intensità e positività,  nei valori, nella mission e nella vision della Fondazione ISAH, ente senza finalità di lucro patrimonio della comunità imperiese.

Grazie alla volontà, determinazione e dedizione del Presidente Stefano PUGI, coadiuvato dall’intero Consiglio di amministrazione, oggi si è compiuto un ulteriore  passo epocale nella storia dell’Ente.

Un risultato figlio  di una visione e frutto di un intenso lavoro portato avanti con serietà nonostante la difficile fase di pandemia acuta che ha seriamente impegnato tutti gli operatori dell’ente.

Grazie a decine di anni di oculata amministrazione, di impegno e   abnegazione del Direttore Generale Luca De Felice e di tutti i suoi più stretti e validi collaboratori, l’ ISAH è riuscito, a fronte di un importantissimo investimento,  ad acquistare il complesso immobiliare “ Galeazza” composto dalla elegante “Villa” (1.500mq su 5 piani),  6 appartamenti e  32 mila mq di terreno circostante, dove dare una casa per sempre ai  ragazzi diversamente abili inseriti nei percorsi di riabilitazione, in un contesto prestigioso e accogliente.

La struttura si trova  su Capo Berta, in una delle più suggestive zone panoramiche di Imperia Oneglia, nel verde della flora mediterranea, circondata da pini secolari , ulivi e cipressi,  con una vista unica e straordinaria a picco sul mare esattamente sopra il famoso scoglio da cui trae il nome .

Rappresenta un  importante esempio di architettura in stile Bauhaus, disegno avveniristico  dell’architetto tedesco Alfonso Scholl del  1933 , lo stesso che ha progettato la sede della ditta Sasso.

In locazione ad ISAH dal 2003 è sede dell’Unità Residenziale del centro di riabilitazione ISAH per bambini in età evolutiva, ragazzi e giovani adulti affetti da disabilità psicofisiche e sensoriali . L’innovativo progetto, avviato 18 anni or sono, fu quello di  stravolgere radicalmente il prototipo di struttura di riabilitazione prediligendo, ad un unico grande stabile, unità operative distinte  appropriate all’uso specifico per una migliore qualità di vita:  gli ospiti di Villa Galeazza infatti utilizzano quella sede  principalmente come propria casa, mentre durante la giornata, accompagnati e supportati dai loro operatori di riferimento,  frequentano il centro diurno di piazzetta De Negri per i trattamenti riabilitativi, le scuole per la parte formativa e le strutture pubbliche e private territoriali dove si svolgono gli altri interventi programmati dall’equipe mutidisciplinare del centro.  

La forza del progetto, che oggi si concretizza pienamente, è quello di garantire un modello dove viene data priorità ad un intervento  bio-psico-sociale . Il risultato di salute e qualità di vita, infatti , non dipendono solo da elementi organici o biologici, ma anche da fattori psicologici e sociali .

Un ringraziamento particolare è sicuramente dovuto alla precedente proprietà: la Signora Maria Novaro e la  famiglia  che hanno condiviso questo ambizioso progetto partecipando attivamente e con spirito di solidarietà alla sua  realizzazione.

Il video con le riprese della struttura è disponibile su youtube al seguente indirizzo: 

https://youtu.be/TWQV3U1btmU

Tutto d’aMare “Insieme si può” – Rappresentazione teatrale e musicale dei ragazzi dell’ISAH

[wpdevart_youtube playlist=”” width=”640″ height=”385″ align=”center” caption=”” autoplay=”0″ theme=”dark” loop_video=”undefined” enable_fullscreen=”1″ show_related=”1″ show_popup=”0″ thumb_popup_width=”213″ thumb_popup_height=”128″ show_title=”” show_youtube_icon=”1″ show_annotations=”1″ show_progress_bar_color=”red” autohide_parameters=”1″ set_initial_volume=”false” initial_volume=”100″ disable_keyboard=”0″]4U6vUHgn8GM[/wpdevart_youtube]

La pandemia non è riuscita a fermare la vena artistica dei ragazzi dell’ISAH impegnati durante tutto l’anno nei laboratori teatrali e musicali nell’ambito delle attività abilitative previste dai progetti riabilitativi individualizzati.

Per il secondo anno consecutivo la complessa situazione sanitaria mondiale ha imposto stringenti limitazioni ai percorsi inclusivi  che la riabilitazione si pone come obiettivi principale per quelle persone con deficit relazionali derivanti dalle più svariate cause.

Nonostante il contesto,sinceramente molto complicato, e la particolare fragilità delle persone assistite  la Fondazione ISAH è riuscita non solo a limitare  in modo egregio i rischi e le conseguenze della diffusione del COVID19, ma a adattare costantemente la propria organizzazione e le proprie metodologie di intervento al fine di dare continuità agli interventi sanitari e sociosanitari, che non sono mai stati sospesi.

In quest’ottica anche i laboratorio teatrale e musicale, avviato ormai 20 anni fa grazie  alla iniziativa dell’Associazione Global Art Studio di Diano Marina capitanata dal Maestro Prof. Adriano Strangis, ha continuato la propria attività riscendo a stimolare le passioni e l’arte dei ragazzi dell’ISAH utilizzando,  nei momenti più difficili, anche quelle  tecnologie che hanno permesso di continuare il lavoro anche a distanza.

E’ così che anche quest’anno la Fondazione ISAH e la Global Art Studio, nonostante tutto, sono riusciti a organizzare   la 20° Edizione di Porte Aperte portando in scena lo spettacolo dal tutolo Tutto d’Amare “Insieme si può” – venerdì 27 agosto 2021 alle ore 21.00.  In prima battuta si era ipotizzato di tornare in mezzo alla gente utilizzando la location messa a disposizione dal Comune di Imperia in Calata Aicardi, ma l’andamento dei contagi e la fragilità delle persone coinvolte ha imposto una condotta piu prudente.

Si è deciso di tornare dove tutto ebbe inizio 20 anni fa : nel giardino panoramico delle sede storica dell’ISAH in piazzetta G.B. De Negri 4 ad Imperia riservando l’ingresso solo un ristrettissimo numero di persone che già quotidianamente frequentano la struttura (personale, utenti e familiari ) in possesso del Green Pass  e nel rispetto di tutte le procedure quotidianamente adottate per il contenimento dei contagi  

Una troup televisiva riprenderà l’evento che verrà poi condiviso sui canali social della Fondazione

Il tema della serata sarà il Mare e l’Amare e il messaggio che si vuole trasmettere è quello dell’importanza dello stare insieme,  dell’inclusione, dell’agire comune per il bene comune, della forza dell’arte e della musica per superare anche i momenti più difficili  della vita.

Nella serata si potrà ascoltare, in prima assoluta, un brano composto dal Maestro Strangis dove i ragazzi dell’ISAH si esibiranno con strumenti a percussione costruiti interamente da loro stessi.

L’evento fa parte di un progetto regionale  più ampio denominato “ Insieme si può”  “Patto sussidiarietà” finalizzato all’inclusione della persona con disabilità nelle diverse attività sociali, culturali, sportive e di tempo libero e, contestualmente, avviare concrete azioni di supporto e contrasto  al fenomeno dell’isolamento sociale, ancora più accentuato dall’emergenza Covid -19 nell’’ambito del quale  è stato anche realizzato un video tutorial dove i ragazzi dell’ISAH illustreranno come costruire facilmente anche a casa gli strumenti musicali artigianali utilizzati.

Il Presidente Fondazione ISAH                                                               
Stefano PUGI                                                                                                 

Il Presidente Global Art Studio
Prof. Adriano Strangis

La Fondazione ISAH acquista la sede storica di piazza De Negri dal Comune di Imperia

Nella giornata di oggi, negli uffici del Comune di Imperia,  si è esperita l’asta pubblica per la vendita della storica sede dell’ ISAH in piazzetta Giovan Battista De Negri.

Il Consiglio di Amministrazione della Fondazione mi aveva autorizzato a presentare offerta per l’immobile che, da sempre, è la sede dove vengono erogati trattamenti sanitari di riabilitazione a bambini, ragazzi e giovani adulti affetti da disabilità psicofisiche e sensoriali e dove sono collocati gli uffici amministrativi di un ente che ha raggiunto negli anni una dimensione più che significativa per la città, occupando oltre 130 persone.

Quello che provo dopo questa aggiudicazione è un misto di gioia e di commozione per aver potuto garantire per sempre  un luogo sicuro per le cure a l’assistenza ai nostri bambini e ragazzi.

E’  un grande investimento finanziario, ma sono consapevole che era la cosa giusta da fare.

Non posso dimenticare di ringraziare smisuratamente il nostro direttore Luca De Felice e tutti i dipendenti che lavorano e hanno lavorato in ISAH, perché è grazie alla loro professionalità, al loro impegno, alla loro passione e dedizione che oggi la Fondazione ha potuto contare  sulle risorse per un investimento così importante.

Credo che anche i genitori, familiari e caregiver dei bambini e ragazzi che sono in cura da noi possano essere contenti di avere la certezza che la sede storica dell’ISAH rimarrà per tutta la vita di proprietà di questa fondazione a garanzia di un polo sanitario altamente specializzato  e   patrimonio della Città di Imperia.

Per l’occasione è bene ricordare che l’attuale  fondazione è sorta nel lontano 1853 ad Oneglia grazie alla volontà di  Padre Giovanni Battista De Negri dell’ordine dei padri scolopi e  su autorizzazione del re Vittorio Emanuele II che gli conferì il titolo di Regio Istituto Sordomuti.

“L’Istituto fu fondato a spese della maggior parte dei Comuni e delle Opere Pie della Provincia massimamente dalla Città Capoluogo di essa e dalla generosità del Governo” e la sua prima sede era in Piazza Ulisse Calvi. Il terremoto del 23 febbraio 1887 che colpì violentemente la zona lesionò la struttura e di li si iniziò a pensare ad una nuova sede.

Grazie ad un mutuo a tasso agevolato messo a disposizione dal Governo il Consiglio Comunale si attivò per la scelta del terreno su quale costruire la Nuova sede dell’Istituto.

Si scelse quello di proprietà dei fratelli Bianchi del fu cavaliere Alessandro in località detto “dietro il Monastero”considerata ideale perché salubre.

Nel  gennaio 1889 venne pubblicato l’avviso d’asta di appalto per la costruzione del Regio Istituto Sordomuti” su progetto dell’Ing. Regnoli. La costruzione dell’intero immobile si concluse  nell’agosto del 1890 da parte della ditta Ambrogio Sommaruga e C. che consegnò le chiavi all’allora Sindaco di Oneglia Dott. Nicolò Berio il quale a sua volta le consegnò immediatamente al Presidente dell’Istituto Bernardo Ghersi.

Dopo oltre 168 anni, grazie all’impegno di tanti cittadini Imperiesi e non solo, la storia potrà continuare ……..

Il Presidente
Stefano PUGI

The hands of the child who smeared on the gray background.