Tutto d’aMare “Insieme si può” – Rappresentazione teatrale e musicale dei ragazzi dell’ISAH

La pandemia non è riuscita a fermare la vena artistica dei ragazzi dell’ISAH impegnati durante tutto l’anno nei laboratori teatrali e musicali nell’ambito delle attività abilitative previste dai progetti riabilitativi individualizzati.

Per il secondo anno consecutivo la complessa situazione sanitaria mondiale ha imposto stringenti limitazioni ai percorsi inclusivi  che la riabilitazione si pone come obiettivi principale per quelle persone con deficit relazionali derivanti dalle più svariate cause.

Nonostante il contesto,sinceramente molto complicato, e la particolare fragilità delle persone assistite  la Fondazione ISAH è riuscita non solo a limitare  in modo egregio i rischi e le conseguenze della diffusione del COVID19, ma a adattare costantemente la propria organizzazione e le proprie metodologie di intervento al fine di dare continuità agli interventi sanitari e sociosanitari, che non sono mai stati sospesi.

In quest’ottica anche i laboratorio teatrale e musicale, avviato ormai 20 anni fa grazie  alla iniziativa dell’Associazione Global Art Studio di Diano Marina capitanata dal Maestro Prof. Adriano Strangis, ha continuato la propria attività riscendo a stimolare le passioni e l’arte dei ragazzi dell’ISAH utilizzando,  nei momenti più difficili, anche quelle  tecnologie che hanno permesso di continuare il lavoro anche a distanza.

E’ così che anche quest’anno la Fondazione ISAH e la Global Art Studio, nonostante tutto, sono riusciti a organizzare   la 20° Edizione di Porte Aperte portando in scena lo spettacolo dal tutolo Tutto d’Amare “Insieme si può” – venerdì 27 agosto 2021 alle ore 21.00.  In prima battuta si era ipotizzato di tornare in mezzo alla gente utilizzando la location messa a disposizione dal Comune di Imperia in Calata Aicardi, ma l’andamento dei contagi e la fragilità delle persone coinvolte ha imposto una condotta piu prudente.

Si è deciso di tornare dove tutto ebbe inizio 20 anni fa : nel giardino panoramico delle sede storica dell’ISAH in piazzetta G.B. De Negri 4 ad Imperia riservando l’ingresso solo un ristrettissimo numero di persone che già quotidianamente frequentano la struttura (personale, utenti e familiari ) in possesso del Green Pass  e nel rispetto di tutte le procedure quotidianamente adottate per il contenimento dei contagi  

Una troup televisiva riprenderà l’evento che verrà poi condiviso sui canali social della Fondazione

Il tema della serata sarà il Mare e l’Amare e il messaggio che si vuole trasmettere è quello dell’importanza dello stare insieme,  dell’inclusione, dell’agire comune per il bene comune, della forza dell’arte e della musica per superare anche i momenti più difficili  della vita.

Nella serata si potrà ascoltare, in prima assoluta, un brano composto dal Maestro Strangis dove i ragazzi dell’ISAH si esibiranno con strumenti a percussione costruiti interamente da loro stessi.

L’evento fa parte di un progetto regionale  più ampio denominato “ Insieme si può”  “Patto sussidiarietà” finalizzato all’inclusione della persona con disabilità nelle diverse attività sociali, culturali, sportive e di tempo libero e, contestualmente, avviare concrete azioni di supporto e contrasto  al fenomeno dell’isolamento sociale, ancora più accentuato dall’emergenza Covid -19 nell’’ambito del quale  è stato anche realizzato un video tutorial dove i ragazzi dell’ISAH illustreranno come costruire facilmente anche a casa gli strumenti musicali artigianali utilizzati.

Il Presidente Fondazione ISAH                                                               
Stefano PUGI                                                                                                 

Il Presidente Global Art Studio
Prof. Adriano Strangis

Aggiungi ai preferiti : permalink.

I commenti sono chiusi.