“AUTISMO: Le risposte dei servizi alle domande delle famiglie”

“AUTISMO: Le risposte dei servizi alle domande delle famiglie”

Convegno Scientifico

AUTISMO: Le risposte dei servizi alle domande delle famiglie

Sabato 30 novembre 2013 dalle ore 8.30 alle ore 17.30

Auditorium Camera di Commercio di Imperia via T. Schiva 29

Il 30 Novembre p.v. , presso l’Auditorium della Camera di Commercio di Imperia , l’I.S.A.H Centro di Riabilitazione Polivalente (Ente di Diritto pubblico altamente specializzato nella riabilitazione di persona affette da disabilità psichiche, fisiche e sensoriali in età evolutiva e giovane adulta) organizza un convegno scientifico dal titolo “ AUTISMO : le risposte dei servizi alle domande delle famiglie”.

L’iniziativa è stata patrocinata dalla Regione Liguria, dal Comune di Imperia e dalla ASL n. 1 Imperiese.

L’evento si inserisce all’interno del progetto di “Modulo riabilitativo dei Disturbi Pervasivi dello Sviluppo” al quale l’I.S.A.H sta lavorando da tempo promuovendo la formazione e l’aggiornamento della propria equipe multidisciplinarei sulle strategie di intervento scientificamente validate per queste patologie.

Gli interventi ad opera di clinici, medici specialistici, terapisti della riabilitazione, professionisti in ambito sanitario, sociale e scolastico, toccheranno i temi della diagnosi e  presa in carico precoce  e dell’efficacia dei trattamenti riabilitativi nonché dell’assetto dei servizi sul territorio.

Il filo conduttore sarà quello di promuovere una rete di servizi sanitari che garantiscano un approccio multiprofessionale e interdisciplinare per poter affrontare con competenza e coesione la complessità e l’eterogeneità delle sindromi autistiche.

Ma anche una rete per il raccordo e il coordinamento tra i vari settori sanitari e quelli scolastici, sociali e famigliari.

Si ritiene che vada diffusa la consapevolezza che la presa in carico del paziente autistico si muove per tutto l’arco della vita e investe ogni parte di essa.

In sintesi si vuole promuovere una politica sanitaria e sociale che dia continuità alla diagnosi, alla presa in carico e all’inclusione sociale con l’attivazione di interventi educativi e abilitativi multidisciplinari basati sulle evidenze e sulla valutazione funzionale individualizzata, ma anche costruire una stretta rete di collaborazione e di raccordo tra operatori sanitari ,sociali educativi e familiari.

Lo svolgimento del convegno scientifico  intende proprio inserirsi in questa ottica di rete prevedendo momenti di partecipazione attiva da parte degli addetti ai lavori ma anche delle famiglie,della scuola,del mondo del volontariato , della cooperazione sociale e di tutti i cittadini sensibili a questo argomento.

A conferma dell’interesse dell’argomento trattato e del valore degli esperti che interverranno ad oggi (20/11/2013) sono già 350 le preiscrizioni, ma continuano ad arrivare ora dopo ora. La modularità dell’Auditorium permette una capienza complessiva di 475 posti e si conta di poterli riempire tutti.

Si precisa che il convegno è rivolto non solo alle professioni sanitarie e sociali (per le quali verranno assegnati crediti ECM e  formativi) , ma anche agli insegnanti, educatori, volontari e a tutta la cittadinanza interessata e soprattutto alle famiglie. l’INGRESSO E’ COMPLETAMENTE GRATUITO e al termine della giornata verrà rilasciato attestato di formazione.

 

 

Con il termine “Autismo” vengono comunemente definite alcune sindromi di natura neurobiologica raggruppate sotto la categoria nosologica di “Disturbi generalizzati dello sviluppo” (DGS), ovvero “Pervasive Developmental Disorders” (PDD). L’eziologia dell’autismo rimane nella maggioranza dei casi sconosciuta e, ad oggi, non esistono cure risolutive.

I Disturbi generalizzati dello sviluppo sono caratterizzati da difficoltà nella comunicazione e nell’interazione sociale e dalla presenza di comportamenti e interessi ristretti e stereotipati. Accanto a questa triade di sintomi, le persone affette da autismo possono presentare in misura più o meno marcata anche problemi del sonno, di alimentazione, disarmonie motorie e cognitive, scarsa autonomia personale e sociale, difficoltà comportamentali, autolesionismo, aggressività. Quando parliamo di autismo solitamente focalizziamo l’attenzione sull’individuo, trascurando le ricadute che questa patologia ha sui sistemi prossimali: nella sua famiglia, nei gruppi di appartenenza, ma più in generale nella società.

Un intervento precoce, globale, evidence based, rispettoso della persona e delle sue specificità, fa la differenza permettendo di modificare gli esiti della patologia migliorando la qualità di vita della persona, del suo nucleo familiare e degli altri suoi sistemi di appartenenza.

 

Il modello del servizio ISAH, che eroga prestazioni ambulatoriali, semiresidenziali e residenziali, si caratterizza per la multidisciplinarietà della presa in carico, il monitoraggio sistematico degli interventi e la personalizzazione del Progetto Riabilitativo elaborato dall’equipe medico-psicopedagogica del centro alla quale partecipano neuropsichiatri infantili, psicologi, pedagogisti, terapisti della riabilitazione, educatori professionali sanitari, OSS. Il personale sanitario è formato alle diverse metodiche di intervento privilegiate tra cui: il metodo T.E.A.C.C.H, il programma A.B.A., la comunicazione aumentativa alternativa, l’intervento cognitivo-comportamentale. Il modulo prevede una presa in carico individuale e in piccoli gruppi inbase alle attività programmate e al funzionamento del soggetto.

Le attività riabilitative prevedono interventi di logopedia, neuropsicomotricità, attività cognitiva specifica, stimolazione sensoriale. L’ISAH si avvale anche della collaborazione di strutture esterne e personale proprio per attività di ippoterapia e pet-terapy.

Responsabili del Progetto:

Dott.ssa Clelia Maragliano – Direttore Medico Specializzata in Neuropsichiatra Infantile

Dott.ssa Elena Maria Parodi – Neuropsichiatra Infantile

Dott.ssa Daniela Lagorio – Psichiatra Psicoterapeuta

Dott.ssa Alessia Martini – Psicologa

Dott.ssa Valeria Canetti – Terapista della Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva – Responsabile del Settore Riabilitativo

Dott.ssa Francesca Mazzarelli- Terapista della Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva – Responsabile del Settore di riabilitazione Diurno di Ventimiglia

Dott. Marco Minazzi – Educatore professionale e Laureato in Scienze Motorie Responsabile del Settore Riabilitazione Residenziale

Dott. Luca Scevola Educatore Professionale e Laureato in Scienze Motorie Responsabile del Settore Riabilitazione Residenziale

Dott.ssa Patrizia Vignola – Educatore Professionale Responsabile del Settore Riabilitazione Diurno di Imperia.

locandina_autismo_400.jpg

I commenti sono chiusi